Tegetes – Giardinaggio – Vazzola Treviso
 

News

Shadow

Novembre

Consigli del mese:

Prato: se necessario continuare con gli sfalci, da effettuarsi nelle ore pomeridiane e con terreno asciutto. Evitare di calpestarlo al mattino presto se è coperto di brina. Se si è seminato un nuovo prato durante quest’autunno evitate di falciarlo, anche se l’erba è già alta lo si farà in primavera. Se non previsto di valvole di scolo svuotare l’impianto di irrigazione almeno nelle posizioni più esposte ai rigori invernali come valvole collaterali ecc.

Aiuole: continuare con la pulizia delle perenni evitando di tagliare le graminacee che rimarranno decorative anche durante l’inverno. Proteggere le piante più freddolose con un’abbondante pacciamatura di foglie (Camellia, Echium, Agapanthus, Amaryllis, Paeonia). Portare al riparo in serra fredda gli agrumi, i Plumbago, le Bouganvillea, magari avendo fatto prima un trattamento contro la cocciniglia. Togliere le piante annuali che stanno seccando, come Begonie, Tagetes, Zinnie e sostituirle con annuali dalla fioritura invernale – primaverile come Viole del pensiero e Cavoli ornamentali. Fin che il tempo lo permette, prima che arrivino le piogge, mettere a dimora tutte le perenni e gli arbusti più rustici, si guadagnerà così una vegetativa poiché durante l’inverno si ambienteranno ed in primavera germoglieranno prima,meglio e più velocemente. Per fine mese togliere i tuberi di Dalia, Gladioli, Canna indica, Nerine ecc. dal terreno e metterli in luogo buio ed asciutto.

Alberature: continuare con la potatura delle caducifoglie, anche con tagli abbastanza importanti se necessario, e limitarsi a potature meno drastiche per le sempreverdi perché possono soffrire durante l’inverno.Disinfettare sempre gli attrezzi e le sezioni di taglio per evitare l’insediarsi di malattie funginee.  Raccogliere le foglie e usarle come pacciamatura sulle aiuole, evitando però di mettere quelle delle piante che durante la stagione vegetativa sono state colpite da malattie funginee come oidio, peronospera, ticchiolatura, rugine ecc. 

Shadow

Ottobre

Consigli del mese:

Prato: continuate con gli sfalci da effettuarsi quando il prato è asciutto, sospendete le irrigazioni e controllate l’eventuale presenza di malattie fungine. Nei terreni pesanti è possibile effettuare carotature per migliorare la struttura del terreno attraverso una successiva sabbiatura con sabbia silicea e, dopo averlo arieggiato, potete procedere con eventuali trasemine. E’ possibile effettuare le semine fino quasi a fine mese, poi è preferibile mettere il prato in zolla (rotoli). Se non avete ancora eseguito la concimazione invernale a base di concime ad alto titolo di potassio (K) affrettatevi a farlo.

Aiuole: potete già pulire le aiuole di piante perenni che stanno andando in riposo ed hanno già seccato la parte aerea come Rudbekia, Papaver, Lilium ecc. Prestate attenzione, nel pulire le aiuole, agli ellebori che stanno spuntando ed ai bulbi che si preparano a fiorire come Colchicum, Scille ecc. Continuate con la sbocciolatura dei fiori secchi di Dahlia, man mano che sfioriscono, e a sostenerle con fili e tutori, continueranno a fiorire copiosamente per tutto il mese. Le rose potrebbero necessitare ancora di un trattamento con rame. Ora si possono lasciare sulla pianta i fiori secchi che matureranno in decorativi cinorrodi.

Siepi: tenete controllata la presenza di piralide nelle siepi di bosso ed eventualmente trattatele con insetticida. Potete procedere a spuntare i rami delle siepi di Pyracantha che non presentano bacche, una potatura più energica potrà essere fatta a fine inverno. E’ già possibile potare anche le siepi di Carpino e Faggio, non appena iniziano a cambiare colore le foglie, le cui gemme e rami più interni, che con la potatura vengono portati all’esterno, non patiranno le gelate perché la clorofilla non è presente se non ci sono parti verdi, caratteristica tipica delle piante decidue. Evitate potature forti nelle piante sempreverdi, poiché le parti verdi, che con la potatura vengono portate all’esterno, con il freddo cuoceranno non essendo abituate a stare in primo piano.

Alberature: potete iniziare le potature anche importanti non appena le foglie cambiano colore sulle caducifoglie, ci si limiterà a potature più leggere per le sempreverdi. Prestate attenzione alle piante che mostrano la presenza di fruttiferi di funghi, significherà che la pianta è oggetto di attacco da parte di qualche fungo che degrada il legno (carie), quindi meglio eliminarla al più presto. Controllate se le conifere presentano processionaria che con i primi freddi si sta imbozzolando e forma i caratteristici nidi globosi che vanno assolutamente asportati e bruciati.

Shadow